Home Politica Lavoro Sanità Cultura Letture Fondini Viaggi Musica Cucina Contatti

Condividi  
 La Moneta ed il Debito Pubblico

La moneta, nell’immaginario collettivo ed individuale, è flusso luccicante che sgorga e prosegue il suo cammino nel letto di un viatico fatto della medesima sua materia.
Nel suo procedere determina effetti definitivi su ogni aspetto della vita comunitaria, quella locale quella nazionale quella internazionale.
 Nasce intermediaria di scambi e in funzione “servente” all’intraprendere ed alla semplice ricchezza, agli albori della età del capitalismo, riverberando i suoi effetti e le sue potenzialità al di là del suo intrinseco valore, consentendo scambi moltiplicati attraverso operazioni che prendono a pretesto l’originario strumento, ma inducendo tante altre forme immateriali.
Le conseguenze sono terribili nella loro forza e chi regola la capacità della moneta e l’assetto monetario, si
 pone  in posizione dominante rispetto alle imprese, ai sistemi di Welfare, agli  stessi Stati nazionali e alle stesse organizzazioni interstatuali.
La paradossale situazione dell’Europa attuale ma anche degli Stati Uniti del 2008 e 2009, fanno fede dello strano fenomeno che si è concretizzato di recente nell’economia mondiale e specialmente nell’Europa.
Seguendo il racconto di Addendum apprenderemo che non è la prima volta che succede. Ed il richiamo alla grande crisi del 1929 va integrata con gli avvenimenti degli anni ’30 del 1800.
Conoscere il fenomeno, per come si è venuto evolvendo il sistema finanziario e le sue modalità, rende più chiaro il limite di quel sistema e si rende
 necessario un intervento di approfondimento e operativo nell’interesse dello sviluppo della umanità.
Il Documentario “Addendum – Zeitgeist”, in particolare nella parte divulgativa dei meccanismi di produzione del “valore monetario” è eloquente e favorisce la comprensione della fenomenologia della moneta e la valutazione della sua attualità.

Franco Petramala