Home Politica Lavoro Sanità Cultura Letture Fondini Viaggi Musica Cucina Contatti
Soldati Italiani in Lettonia

 

Il Miracolo?

E’ qualcosa che avviene raramente e da un esito positivo ad un problema di difficilissima soluzione. Tradotto un poco prosaicamente: qualcosa che fa sentire bene il beneficiato dell’evento e sfigati tutti quelli nella sua situazione che lo stavano aspettando.

Così il mondo è pieno di luoghi dove avvengono miracoli in serie: Lourdes, Fatima, ultimamente Medjugorje ( si scriverà così ?), in Calabria Paravati. Ovunque è tutto un fiorire di Madonne che piangono, apparizioni, luoghi di culto improvvisati dove addirittura le persone sono in fila con il loro numerino per poterci accedere . Potremmo dire che questo bisogno di miracolo è un indicatore per misurare la disperazione della gente.

Tutti hanno qualcosa da chiedere, chi con problemi di salute, chi con quelli economici oppure con pene d’amore o chi vorrebbe vincere al gioco. Vista la pletora di richieste, le più disparate, dato che ognuno pensa che la sua sia la più importante, non mi sembra il caso di fare una valutazione sulla gravità delle richieste; sarebbe più giusto suddividere le stesse per tipologia con una numerazione, ad esempio: 1) problemi di salute, 2) problemi economici, 3)problemi di cuore etc,etc.

Si prenda l’elenco dei santi che sono famosi per le loro doti taumaturgiche specifiche, ad esempio San Pantaleo per problemi di salute in quanto medico e martire anche se forse è stato ucciso per una diagnosi sbagliata ma non lo sappiamo con certezza;, oppure  Sant’Antonio, per le donne che non trovano marito (andate a vedere la fila delle single davanti la sua casa di Lisbona dove era nato).

A questo punto si può passare alla fase successiva scegliendo il santo e chiedendogli la grazia. Si proprio così. Provate a pensare al detto: la vittoria ha cento padri e la sconfitta è  sempre orfana. Rifletteteci un po’. Quando una persona ha bisogno di un miracolo che fa? di solito si rivolge ai Santi più famosi e spesso a più Santi.

Rivolgersi a più Santi comporta però alcuni problemi: 1) un sovraccarico di richieste per i Santi più gettonati  che non riescono a soddisfare le richieste nonostante il loro impegno, vedi Sant’Antonio che fa 13 grazie in un giorno 2) la richiesta fatta a più santi non ha un effetto sinergico ma provoca una dispersione di energia. Evviva !! il miracolo è avvenuto ma chi è stato a farlo ? ricordatevi che la vittoria ha cento padri quindi non ci fermiamo a pensare a chi è stato: tutti saranno stati artefici del successo !

Se il miracolo non è avvenuto, chi non si è impegnato abbastanza? Difficile da identificare. Dopo attenta riflessione consiglierei, una volta identificata la tipologia del miracolo, di fornirsi dell’elenco dei santi specializzati per il settore richiesto limitare la scelta del taumaturgo tra questi. Il secondo consiglio è quello di non scegliere un Santo già famoso che avrà già tante richieste e potrebbe essere meno attento alla vostra richiesta; trovatene uno per niente conosciuto, un Carneade della santità e concentratevi su di lui,  solo su di lui; certamente sarà più motivato e si batterà come un leone per risolvervi il problema in modo che, in caso di successo e di miracolo importante, con il passa parola potrà salire anche lui nella hit parade dei santi famosi senza passare dai Santi caldi.

Per l’argomento esistono siti specializzati e personalmente ho consultato il sito: www.santi e beati.it per verificare se ci fosse, fra le migliaia di santi, uno  di nome wilmer o vilmerio:  la ricerca è stata vana, nessun santo ha questi nomi.

Mi propongo quindi tra cento anni di diventare santo  e vi prometto che risolverò i vostri problemi. Ho già in mente il primo miracolo: fare vincere il campionato di calcio di serie A all’Atalanta.

Quindi chiedete  e ci saranno miracoli per tutti.

 

Vilmerio Gigli